Il Catanzaro ha battuto il Bisceglie per 3-1 al “Ventura”. I giallorossi hanno ottenuto il loro secondo successo in trasferta dopo con quello di Avellino. Entrambe le vittorie sono arrivate in rimonta e con lo stesso punteggio. Per parlare della gara di ieri, 13 dicembre e, in generale delle Aquile, il calciatore dell’US, Paride Pinna è intervenuto all’interno di NetClub, programma di DB Radio, condotto dal direttore Matteo Pirritano e da Francesco Panza.

Seconda stagione per Pinna in giallorosso. Molto difficile la prima con poche presenze, in questa stagione sta trovando spazio. <<Può capitare di trovare nel percorso allenatori che ti stimano tanto e altri meno. Ero venuto qui con altre aspettative. C’era stato il cambio d’allenatore e avevo trovato spazio, poi mi sono infortunato. È stata un’annata da cancellare. In questo campionato mi voglio mettere in mostra e cercare di dimostrare che la scorsa stagione è stato un caso>>.

Dal post pareggio interno con il Palermo per 1-1 con i rosanero in nove, il Catanzaro ha cambiato rotta grazie anche alla strigliata del direttore generale Foresti che aveva annunciato un ritiro punitivo. <<Ci è servito per tirare fuori la qualità della squadra. La rosa è di alto livello e i giocatori che non hanno vinto si contano. Abbiamo avuto la batosta contro la Ternana e l’abbiamo subita tanto. Non mi è mai capitato di perdere con così tanti gol di scarto. Poi abbiamo incontrato una squadra in difficoltà che ce l’ha pareggiata con due uomini in meno>>.

Secondo posto possibile per i giallorossi? <<Onestamente il nostro obiettivo è di trovare un equilibrio e affrontare ogni partita cercando di ottenere il massimo. Ternana e Bari sono fuori portata. Anche Teramo, Catania, Juve Stabia che incontriamo sabato con Padalino che fa giocare a calcio le sue squadre, sono outsider. Bisogna confermare le aspettative sul campo. Il Bari ieri ha frenato, ma è una squadra molto importante. Hanno sette attaccanti che potrebbero giocare in qualsiasi squadra>>.

Una “critica” che arriva al Catanzaro riguarda lo “spettacolo” nel gioco. <<Questo Catanzaro non lo so definire. Abbiamo avuto nel corso delle partite sfaccettature diverse. Sicuramente non ricerchiamo un possesso palla ossessivo ma optiamo più per le verticalizzazioni. Proporre un bel calcio sul campo del Bisceglie non è semplice>>.

Secondo il difensore mancino delle Aquile, se c’è qualcosa che manca all’US è ancora un po’ di consapevolezza.  <<Siamo un bel reparto difensivo e in generale una grande squadra>>, ha affermato Pinna.